Cos'è

Image

La Carta dei Servizi quale strumento di tutela, verifica e conoscenza a disposizione del pubblico, riporta una breve descrizione del Centro, delle sue dotazioni tecnologiche, degli esami effettuati in regime di convenzione e non. La Carta è strumento di informazione e comunicazione, è un "patto di qualità" con i cittadini, con il quale dichiariamo l'impegno a migliorare il livello di prestazione dei nostri servizi.

Il quadro normativo di riferimento
L’esistenza di un sistema di indicatori di qualità di servizi e delle prestazioni sanitarie relativamente alla personalizzazione ed umanizzazione dell’assistenza, al diritto all’informazione, alle prestazioni alberghiere, nonché all’andamento delle attività di prevenzione, è stata prevista dall’art. 14 del DL 502/92 “al fine di garantire il costante adeguamento delle strutture e delle prestazioni sanitarie alle esigenze dei cittadini utenti del S.S.N. “. Con Decreto del 15 ottobre 1996 il Ministro della sanità ha individuato un set di indicatori per la valutazione di alcune dimensioni qualitative del servizio relativamente ad aspetti di tipo strutturale e organizzativo.

Da dove Nasce
Il decreto legge 12 maggio 1995, n. 163, convertito dalla legge 11 luglio 1995, n. 273, prevedeva l’adozione, da parte di tutti i soggetti erogatori di servizi pubblici, anche operanti in regime di concessione o mediante convenzione, di proprie “Carte di Servizi” sulla base di “schemi generali di riferimento”; per il settore sanitario dello schema di riferimento è stato adottato con DPCM del 19 maggo 1995 (G.U. del 31 maggio 1995, supplemento n.65).

Che cosa è
La carta dei servizi sanitari è il PATTO TRA LE STRUTTURE DEL SSN E I CITTADINI, secondo i seguenti principi informatori:
- Imparzialità nell’erogazione delle prestazioni eugualianza del diritto all’accesso ai servizi;
- Piena informazione dei cittadini utenti sui servizi offerti e le modalità di erogazione degli stessi;
- Definizioni di standard e assunzione di impegni da parte dell’Amministrazione locale rispetto alla promozione della qualità del servizio e alla determinazione di modalità di valutazione costante della qualità stessa;
- Organizzazione di modalità strutturate per la tutela dei diritti dei cittadini;
- Ascolto delle opinioni e dei giudizi, sulla qualità del servizio, espressi dai cittadini direttamente o tramite le Associazioni che li rappresentano attraverso modalità e strumenti di partecipazione e coinvolgimento.